martedì 2 ottobre 2012

Macchine per scrivere: Remington

Nel 1867 Christopher Sholes, Carlos Glidden e Samuel Lewis inventatarono un'altra macchina per scrivere. La macchina da scrivere Sholes e Glidden è stata la prima che ha permesso ad un dattilografo di essere più veloce di uno scrivano. Il brevetto (US 79265) fù venduto per 12.000 dollari a Densmore e Yost, che fecero un accordo con E. Remington and Sons (già famoso come produttore di armi), per commercializzare quello che era conosciuto come il Sholes e Glidden Type-Writer (su altre fonti ho trovato anche il nome Sholes e Glidden Writing Machine).  Remington iniziò la produzione della prima macchina da scrivere il 1 ° marzo 1873 a Ilion, New York (la Ilion Arms Manufactury). La Remington No. 2 del 1878  è stata la prima macchina da scrivere sia con lettere maiuscole e minuscole tramite un tasto shift e la tastiera QWERTY progettata da Sholes.

Monarch Pioneer
Il nome Remington ha profondamente segnato la storia delle macchine da scrivere. Infatti, nel 1876, la E. Remington & Son  inaugura la produzione industriale della macchina per scrivere.  Anche se la società si ritirò  precocemente dal mercato, il marchio Remington, passato a nuovi proprietari, continuò a rappresentare il simbolo  della macchina da scrivere.
La Remington è considerata la prima macchina da scrivere prodotta in serie.

Precedentemente erano stati prodotti altri modelli che rimasero dei prototipi non utilizzabili perchè non pratici o non funzionanti. (l'articolo sull'American Scientific non era completo e quindi a Sholes mancavano dettagli già inventati dal nostro Ravizza)

Nel 1886, E. Remington and Sons cedette la propria attività alla Standard Typewriter Manufacturing Company, Inc. Nella vendita erano inclusi anche i diritti di utilizzo del nome di Remington. Standard Typewriter cambiò il suo nome nel 1902 in Remington Typewriter Company. Questa ultima inglobò nel 1927 la Rand Kardex Company per formare la Remington Rand, che ha continuato a produrre apparecchiature per ufficio e più tardi divenne una società di computer e rasoi elettrici.

I primi modelli Remington

Con questa macchina è iniziata la mia collezione: Remington No6/7
  • 1873 - Remington No.1, la prima macchina a portare il nome Remington ma nella sostanza è una revisione della già citata Sholes e Glidden.
  • 1878 - Remington No.2 fù una macchina completamente rivoluzionata rispetto al modello precedente: misure e forma assomigliano molto alla nostra idea di una moderna macchina per scrivere (aveveno letto bene il brevetto del Ravizza). Aveva 39 tasti e la famosa tastiera "QWERTY" con  la possibilità di scrivere in maiscole e minuscole mediane un tasto che, facendo muovere all'indietro il carrello, comandava le maiuscole. Fu presentata nel 1876, preceduta da una'ampia campagna di stampa che ne illustra i requisiti e ne elenca i vantaggi sulla scrittura manuale, Remington presenta alla Esposizione Mondiale di Filadelfia il primo modello della sua macchina.
  • 1886 - Remington No.3 presenta un carrello più largo da permettere l'inserimento di un foglio di cm 35,6 (14") e l'aggiunta di tre nuovi tasti, rispetto al modello precedente, portandola così a 42 tasti.
  • 1883 - Remington No.4 fù il primo lodello economico molto vicino al modello No.2 con solo caratteri delle maiuscole.
  • 1887 - Remington No.5 molto simile al modello No.3, prodotta per soddisfare l'esigenze di mercato Europeo ed in particolare un carello largo per poter inserire un foglio di carta largo 24 cm.
Remington No.6/7 con tastiera francese

Seguiranno gli altri modelli fino al No.7 (nel 1898) che viene costruito per le necessità europee, con 42 tasti ed il tabulatore decimale, e più tardi i modelli 10 e 11 a scrittura visibile.

remington mod. 5 - numero di serie 25671
E' stato calcolato che nel 1882 le macchine in uso in America erano 2300 e tre anni dopo raggiungevano già le 5000 e circa 70000 nel 1887. Da articoli dell'epoca si evince che nel 1887 erano state vendute 35.000 Remington, 15.000 Caligraph, 4.000 Hammond e il resto diviso tra gli altri produttiri dell'epoca: Crandall, Hall, Columbia, Sun, World etc.

Nel 1905 si calcolava che la produzione industriale procedesse al ritmo di una macchina al minuto. Del resto già nel 1882 le "Remington" avevano raggiunto Genova, nel 1883 erano a Parigi e l'anno dopo in Germania.

Per i modelli successivi fate riferimento al grande lavoro, e una splendida collezione, svolto da  http://machinesoflovinggrace.com/rems.htm dove troverete tante informazioni e fotografie di tantissimi modelli e non poco rilevante una tavola riassuntiva con i numeri di serie e anno di produzione  http://machinesoflovinggrace.com/RemRandSerials.htm